venerdì 21 maggio 2010

La fine der monno





 Er monno s’è incazzato peddavero,
e ce lo fa ssape’ senza vergogna.
Un terremoto ha raso Haiti a zero,
er petrolio ha ridotto er mare a fogna.

E nun se po’ ppiù mmanco respirare
e volare ner cielo cennerino:
un vurcano s’è mmesso a vomitare
e de smette ‘unn intende un attimino.

Nun me parlà der tempo e de staggione,
ché son mesi che piove a cielo rotto;
semo a l’istate cor termosifone,
se vai ar mare te ce vo’ er cappotto.

Peggio me sento co l’econnomia;
ci ho du’ bbajocchi messi in una bbanca;
ma co la crisi che ce pporta via,
finisco, anvedi, senza ‘na palanca.

C’è chi ddice ch’è corpa der peccato
e che la fin der monno è ggià arrivata;
er Patreterno s’è de noi stufato
e ce vor dà ‘na bella ripassata.

Ma c’è chi ppensa ne la bloggosfera
che ‘nvece nun son queste le raggioni.
Er monno artonnerà a la su’ maniera
quanno annerà ‘n pensione Bberlusconi.

6 commenti:

  1. Peggio di così...ma!
    Scrivi molto bene in versi...

    RispondiElimina
  2. Ogni tanto, cara Stella, mi viene voglia di... verseggiare ;-)

    Grazie...

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Caro Antonio,

    che ti devo dire? Grazie dei complimenti :-D

    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Allora verseggia più spesso...

    RispondiElimina
  5. Vedrò di fare il possibile... ;-)

    RispondiElimina