domenica 15 agosto 2010

La più bella Siciliana. È tedesca...



Abbiamo già detto ieri del carattere appassionato della danza "Siciliana", usata in epoca barocca come uno dei movimenti delle suites in concerti e sonate.

Una nota di commento al post di ieri mi obbliga in questo bel giorno di festa a ritornare sullo stimolante argomento.

Non fa meraviglia che una bellissima Siciliana sia stata scritta dal veneziano Antonio Vivaldi. La Serenissima ispirava certamente sentimenti simili a quelli della luminosa e passionale Sicilia.

Ne fu conquistato anche J. S. Bach, che quella musica studiò e trascrisse. L'abbiamo visto ieri.

Ma lì si tratta di una perfetta copia, abilmente ridotta per clavicembalo.

Ciò che meraviglia è come Bach, nato e vissuto nel cuore della Germania, sia riuscito a entrare nello spirito tipicamente mediterraneo di questa danza/movimento, con un pathos che anticipa il romanticismo.

Sua infatti è la Siciliana più bella che sia stata forse mai scritta, e che troviamo nella Sonata n. 2, in Mi bemolle Maggiore, per Flauto e Cembalo, BWV 1031.

Ascoltare, per credere!

La postiamo nella efficace trascrizione pianistica di Wilhelm Kempff, e nella altrettanto  esemplare esecuzione di Evgeny Kissin.

Buona Festa.
.

4 commenti:

  1. Imparo,imparo amicus, grazie!

    RispondiElimina
  2. Ma io non voglio dare lezioni... tanto meno alla Signora Maestra :-))

    Siamo in pensione, no? ;-)

    Mi piace postare ciò che mi sembra bello...

    Un abbraccio affettuoso :-)

    RispondiElimina
  3. ...non si finisce mai d'imparare nella vita.

    RispondiElimina