mercoledì 25 aprile 2012

Pioggia e lacrime musicali



Continua la stagione delle piogge.
Le previsioni dicono però che da oggi stesso ci sarà bel tempo, addirittura quasi estivo. Staremo a vedere...
Intanto ascoltiamo anche un supplemento di pioggia musicale.
Si tratta di una bella aria per contralto castrato dall’opera “Tieteberga” (nonché da Il Giustino”) di Antonio Vivaldi: “Sento in seno ch’in pioggia di lacrime”, RV 737, Atto II.
Lacrime di pioggia e lacrime d'amore è un luogo letterario di antica data, come si vede. Rain and tears...
La presento in una trascrizione per doppio pianoforte.  Il pizzicato dell’orchestra d’archi è reso nel piano con un sapiente uso del sordino  e di un tocco battente.
L’aria dell’evirato cantore  è sostituta dal suono libero dal pedale smorzatore, eseguita da Greg Anderson; ottimo l'accompagnamento di Elisabeth Joy Roe.
Un’originale trascrizione e una bella esecuzione di questo emergente duo pianistico statunitense.

Buona Festa di S. Marco e della Liberazione, col sole!


6 commenti:

  1. La musica di Vivaldi, con lo sfondo del mare, è molto romantica.

    Buon 25 aprile!

    Bacio

    RispondiElimina
  2. Buona festa anche te, romantica Gianna :-))

    RispondiElimina
  3. grazie. sei sempre prezioso.
    ciao
    luisa

    RispondiElimina
  4. Grazie a te, cara Luisa, per i tuoi apprezzamenti :-)

    Un saluto affettuoso :-)

    RispondiElimina