giovedì 1 maggio 2008

1° Maggio. Il lavoro nella dialettica servo-padrone (Hegel e Marx)
















Ci sono vari modi per festeggiare il 1° Maggio. Una bella scampagnata, una corsa a piedi o in bicicletta, una giornata oziosa…

Io lo voglio festeggiare facendovi spremere le meningi, ricordando due grandi pensatori, Hegel e Marx, che hanno dato un contributo rilevante per la comprensione del significato del lavoro.

Hegel, nella Fenomenologia dello spirito, analizza la contrapposizione dialettica servo-padrone.

Questa contrapposizione nasce nella lotta mortale per la sopravvivenza. Il servo (e nell’epoca antica lo schiavo) è colui che in questa lotta ha avuto paura di morire e si è sottomesso al vincitore, che diventa così il suo padrone.

Il padrone impone al servo la fatica del lavoro, ricavandone i mezzi per soddisfare i suoi bisogni e vivere di sfruttamento.

Il servo, attraverso il lavoro, comprende però che il padrone dipende ormai da ciò che egli produce. In questo modo diventa padrone del suo padrone; e il padrone, servo del suo servo.

Le parti si sono dunque rovesciate. Ora è il padrone che ha paura di morire, perché dipende totalmente dal lavoro del servo, mentre il servo si è emancipato attraverso il lavoro.

Ed ecco la soluzione finale della dialettica servo-padrone secondo Hegel, e poi secondo Marx.

Per Hegel non si devono semplicemente capovolgere le parti, perché altrimenti si ritornerebbe ad una situazione simile a quella da cui si era partiti, e la lotta continuerebbe senza fine.
“Nell’anima del servo si nasconde l’anima del padrone”. In altri termini, se si rovescia semplicemente la situazione, avremo nuovi padroni e nuovi servi.
Hegel vede il superamento di questa divisione quando si giunge alla consapevolezza della insostenibilità delle figure servo-padrone; solo allora si passa necessariamente a una nuova società di persone libere nelle loro azioni. È una nuova coscienza sociale, che viene acquisita attraverso il valore del lavoro.

Marx lesse questa opera di Hegel e ne rimase molto colpito. Ma egli propose una soluzione totalmente diversa. La parte sottomessa, e cioè il proletariato, con la lotta di classe doveva abbattere la minoritaria parte dominante, e instaurare una breve dittatura del proletariato, per giungere infine ad una società senza classi; né sfruttatori, né sfruttati.
“Ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni”.

La storia ha dimostrato nel corso del XX secolo che non è bastata la dittatura del proletariato per portare ad una società senza sfruttatori, né sfruttati.
D’altra parte, difficilmente si sarebbe raggiunta l’attuale coscienza sociale senza le dure battaglie della classe operaia e contadina.

In una cosa, sia Hegel che Marx, hanno avuto ragione: attraverso il lavoro l’uomo prende coscienza della sua dignità.
Aggiungo, come cristiano, che nella Sacra Scrittura, l’uomo che lavora è immagine di Dio creatore e continua l’opera della sua creazione.


Foto in alto: "Il Quarto Stato" (1901), Giuseppe Pellizza da Volpedo (Galleria d'Arte Moderna, Milano)

13 commenti:

  1. Ehm...

    Io so che con il lavoro l'uomo può realizzare al massimo le sue potenzialità.
    E che un uomo senza lavoro è privato della possibilità di essere sé stesso fino in fondo.

    Come sai, ho festeggiato l'arrivo di Maggio in un altro modo!

    RispondiElimina
  2. Carissima Anna,

    ti ringrazio per la tua bella iniziativa, che come vedi è giunta fino a qui... :-)
    La Madre di Dio ci protegga nel viaggio del web e della vita.

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Bella interpretazione (alla cattolica) della dinamica tesi/antitesi/sintesi hegeliana!
    :-P
    Non so davvero se il buon Georg Wilhelm Friedrich la interpretava così o se si starà rivoltando nella tomba..ahaha
    Credo che il punto focale della rielaborazione marxiana sia soprattutto nel concetto del "valore del lavoro" in sè e reificazione del rapporto che ne deriva.
    temo però che la discussione sarebbe un po' lunghina....
    un abbraccio. Audrey

    RispondiElimina
  4. Scusa Audrey, ma ho visto solo ora il tuo commento.

    Perché interpretazione 'cattolica'? Anzi, laica, laicissima... hegeliana, appunto. Hegel infatti non tiene conto di un'altra maturazione, ancora più determinante (che io non ho volutamente ricordato) nella coscienza dell'uomo antico: l'apporto della fede cristiana, che considera tutti gli uomini come figli di Dio, e quindi fratelli (la schiavitù diventa assurda, alla lunga).

    Per quanto riguarda Marx, egli colse benissimo il punto evidenziato da Hegel: il valore del lavoro come strumento di emancipazione dell'uomo.
    Ma secondo Marx il lavoro alienato, conseguenza fatale della dialettica servo-padrone, può essere superato solo con l'eliminazione attraverso la lotta di classe di uno dei due termini dialettici, e cioè i padroni dei mezzi di produzione.
    Ma qui non è più hegeliano, perché eliminando uno dei due termini dialettici, impedisce la sintesi a livello superiore e cioè in questo caso la maturazione di una nuova coscienza, in cui non solo i servi ma anche i padroni acquisiscono una nuova consapevolezza (e lo spirito umano per Hegel giunge alla sua piena consapevolezza nell'identificazione con lo Stato, suprema sintesi di interessi individuali e collettivi).

    Marx, e poi Lenin che forzò alquanto le tesi marxiane, invece preferirono la scorciatoia della dittatura del proletariato.

    Grazie del tuo stimolante contributo, Audrey! ma come hai detto, ci sarebbe molto da discutere...
    Comunque Hegel non si rivolta nella tomba per colpa mia...
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. I just found semperamicus.blogspot.com by searching online, and found it is so sweet. Keep up the great work!

    I have similar idea to this site.I hope we can work together
    You can also get a tutor to help you. My friend told me he was helped a lot by amazing [URL=http://www.hometuition.zoomshare.com/ ]chinese tuition teacher [/URL]. Can you also share me with your comments available here?

    RispondiElimina
  6. Thought I would comment and say great theme, did you design it for yourself? It looks really good!

    RispondiElimina
  7. I suggest you to put facebook likes button.

    RispondiElimina
  8. I recently came across your article and have been reading along. I want to express my admiration of your writing skill and ability to make readers read from the beginning to the end. I would like to read newer posts and to share my thoughts with you .

    RispondiElimina
  9. Hey, this really is weblog is a wonderful weblog! I don't usually comment in your incredible weblog posts, I normally just read them. Nonetheless, following reading this post, I just had to congratulate you in your fantastic work! Keep it up!!
    [url=http://buyneopoints5.livejournal.com/615.html ]buy neopoints[/url]

    RispondiElimina
  10. I really appreciate this post. I have been looking all over for this! Thank goodness I found it on Bing. You have made my day! Thx again
    [url=http://buyneopoints2.livejournal.com/583.html ]buy neopoints[/url]

    RispondiElimina
  11. hey awesome websiter you partake of here, i demand i could spend more time on it but i gotta go now. bye! [url=http://www.laptoptraderexpress.com]open this[/url]

    RispondiElimina
  12. The Chilean desert's lack of humidity was a big game and full marks to both teams in putting on a great match. Get away from Paphos Car Hire' holiday
    beaches and a world of wild places, aromatic shrubs, exotic flowers and
    stunning wild walks will entrance you. paphos car hire' junk credit rating means it is connected to all other states, the cost of insurance may be greater than the actual rent. Alternatively, they could turn them away.

    Review my homepage: car rental paphos airport reviews

    RispondiElimina