mercoledì 1 febbraio 2012

O neve, neve...












O neve, neve , neve,
che scendi lieve lieve,
in una sol nottata
la mia città hai imbiancata.


Hai usato un gran pennello
per far quest’acquerello;
e molto hai colorato,
un mezzo metro hai alzato.


Ho visto stamattina
‘sta bella cartolina;
parea Cortin d’Ampezzo,
e invece siamo a Arezzo.


Guardo dalla finestra
quest’opera maestra.  
Poi esco alla frescura
per prender la vettura.


Inizian le mie pene
per metter le catene:
un castigo dantesco;
appena ci riesco.


Alfine, mamma mia!,
mi immetto nella via;
ma questa è già pulita,
la neve qui è sparita!


Sferraglian le catene,
le ruote non van bene.
E dopo qualche miglio
mi fermo lungo il ciglio.


Libero dai legami
le ruote, due salami;
parevano insaccati
coi nastri colorati.


Mia cara neve, neve,
che scendi lieve, lieve,
con i tuoi fiocchi bianchi
sei bella. Ma mi stanchi...


Amicusplato


10 commenti:

  1. Bravissimo...hai tramutato le insidie della neve in un' affettuosa carrellata di versi che scorrono come le ruote della tua auto senza catene!

    Un abbraccio caldissimo.

    RispondiElimina
  2. Grazie del caldo abbraccio... ;-)

    Un abbraccio a mia volta, carissima Gianna :-)

    RispondiElimina
  3. sottoscrivo: bella ma faticosa.

    RispondiElimina
  4. E stanotte ghiaccia pure :-(

    Ciao, Saamaya :-))

    RispondiElimina
  5. Bei versi, delicati e ironici a un tempo!!!
    ...Ma la prossima volta metti le gomme antineve!

    Un salutone!

    RispondiElimina
  6. Dovrò fare come dici, cara Annamaria ;-)

    Prenderò informazioni al riguardo. Intanto, grazie del consiglio :-)

    Ciao!

    RispondiElimina
  7. la neve viene dal cielo ed ha ridotto le particelle sottili che per noi a Milano erano di gran lunga oltre la soglia di tolleranza..
    Chissa quanti tamponamenti!!
    belli i versi.
    ciaooooooooooo
    luisa

    RispondiElimina
  8. Carissima Luisa,

    certamente le neve ripulisce l'aria in modo ideale. E al tempo stesso fa un gran bene al terreno, perché apporta una quantità enorme di acqua e a lento assorbimento, che è l'deale.

    "Sotto la neve ci sta il pane" dicevano i vecchi agricoltori.

    Detto questo, il problema del traffico, come direbbe Benigni, è quello più grave (non solo a Palermo) ;-), oltre al freddo siberiano, ovviamente :-(

    Comunque, anch'io ti dico "ciao" con dieci "o" al seguito... :-D

    Ps. Grazie per i complimenti ;-)

    RispondiElimina
  9. Tutto bene stanotte, Antonio?

    Ho letto dei gravi disagi in Toscana...

    RispondiElimina
  10. In effetti, cara Gianna, la neve e soprattutto il ghiaccio hanno provocato vari problemi. Black out elettrici qua e là nelle zone montane della mia provincia, camions intramezzati che hanno paralizzato il traffico, anche nella A1, ed altro ancora.

    Ma per fortuna non ho sentito parlare di incidenti mortali.

    Il problema sarà la durata di questo maltempo... :-(

    Un caldo saluto dalla Siberia centrale toscana (siamo sotto zero) ;-)

    RispondiElimina