sabato 19 dicembre 2009

La filosofia del ghiaccio










Dopo la neve che in silenzio fiocca
e rende il mondo magico e irreale,
ecco il gelo che punge dove tocca
e stringe in una morsa che fa male.

Se vai a piedi, attento a non cascare!
se batti il capo, allora son dolori;
o ci hai una testa ch’ è come il calcare,
o ti ritrovi tra i celesti cori.

Se prendi l’auto e in curva c’è il ghiacciato,
non tirar il pedale mai dei freni.
Se invece per disgrazia l’hai tirato,
ti spuntano due ali sulle reni.

La neve è bella, soffice, attraente;
il gelo è duro, grigio, micidiale.
Una cosa, da bella ed avvincente,
può trasformarsi in essere fatale.


Nessun commento:

Posta un commento