martedì 13 giugno 2017

È arrivato il caldo! (con Antonio Vivaldi e S. Antonio)





L’estate è in arrivo, è tornato il caldo, e torno anch’io.

Mi piace il caldo.

L’ho scritto più volte, in prosa e in rima. Ma ancora non l’avevo detto in musica. Ora rimedio a questa mancanza postando un brano “caloroso”.

No, non sono andato a cercare l’hard rock, né una musica latino-americana.

Sono andato nel “classico”, perché è lì che si annida ogni genere musicale, compreso il rock.

Una musica calda, ma niente trombe, niente percussioni, niente voci svettanti o strumenti rumorosi.
Solo archi, che accompagnano due violoncelli.

Ma è possibile una musica "caliente" con la voce rauca e spesso un po’ nascosta del violoncello?
Giudicate voi.

Si tratta dell’Allegro finale del Concerto in Sol minore per due violoncelli (RV 521), del 1720, di Antonio Vivaldi. È lui il “maestro” degli archi.

Possiamo notare un tema sincopato (quasi uno swing), che passa dai violini ai violoncelli, oltre alla straordinaria verve dei due cellisti, che esaltano in modo perfetto la post-moderna partitura vivaldiana.

Ho scelto Vivaldi anche per un altro motivo. Oggi è la festa di S. Antonio da Padova.
Se si posta una musica, bisogna che l’autore sia l’Antonio più celebre.

Buon ascolto!




9 commenti:

  1. Buon onomastico, Antonio! e

    ...buon caldo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima Gianna, degli auguri :-) Che S. Antonio ci protegga (anche dal caldo...) ;-)

      Elimina
  2. Tanti carissimi auguri di Buon Onomastico, Antonio, e grazie di questo Vivaldi così sincopato e moderno!!!
    Davvero caldo e affascinante il timbro dei violoncelli.
    Un grande abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio dei tuoi auguri, carissima Annamaria :-) Ho aggiunto caldo al caldo... Speriamo che S. Antonio ci mandi una buona nuvola di pioggia (a quella di note ci ha pensato Vivaldi) ;-)

      Elimina
  3. Tanti, tanti cari auguri di buon onomastico e un abbraccio.

    Che le tue parole siano come quelle di un usignolo che canta e annuncia la primavera, la vita!
    Mi pare di ricordare che questo bellissimo Santo era chiamato usignolo di Dio.

    Terry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di cuore, carissima Terry, per il pensiero, in questo giorno che ricorda la nascita al cielo di S. Antonio da Padova :-)

      Non sapevo di quell'appellativo ("usignolo di Dio"), ma credo si riferisca a una santa. Noi lo chiamiamo "Il Santo dei miracoli" :-)

      Un grande abbraccio :-)

      Antonio

      Elimina
    2. Eppure ero convinta si trattasse di Sant'Antonio per la sua splendida capacità di predicare. È un ricordo che portavo nel cuore di qualcosa che avevo letto ma... Può darsi che mi sbagli ;-)

      Ho però scordato di dirti bentornato! Insieme a te tanta bellezza.

      ^_^

      Elimina
    3. Può darsi che sbagli io, ma non so cosa dire ;-)

      Intanto ti ringrazio dei tuoi pensieri ^_^ Ora però me ne tornerò di nuovo in disparte. Ho ancora degli impegni che devo portare a termine.

      Un grande abbraccio di nuovo, e arrivederci. Sarai nel mio cuore (non sono capace però a fare un cuoricino)... ^_^

      Elimina
  4. Tutti noi ti attenderemo perché alla bellezza non sappiamo rinunciare.
    Ti accompagno con la preghiera e sono certa che anche in questa non sarò sola.

    Un abbraccio grande grande ❤️ Bel cuore!

    RispondiElimina