domenica 3 luglio 2016

Noi li accogliamo, loro ci sgozzano




Le vittime italiane di Dacca.
Da in alto a sinistra: Nadia Benedetti, Cristian Rossi, Marco Tondat, Claudio Cappelli, Vincenzo D’Allestro, Adele Puglisi, Claudia D'Antona, Maria Riboli, Simona Monti.






Dopo l'orrendo attentato islamico a Dacca, in Bangladesh, dove in un ristorante sono state torturate e trucidate 20 persone, tra cui 9 italiani, è doveroso fare alcune riflessioni.

I tagliagole islamici hanno fatto irruzione nel locale affollato al grido di "allah akbar".
Hanno poi preso ostaggi e hanno massacrato solo le persone che non sapevano leggere il corano, tra cui i nostri connazionali.
Questo è l'ultimo di una catena mostruosa di attentati nel nome di una folle ideologia in questo mese di ramadan, da loro considerato sacro (nientemeno!). 

Mi pare evidente che l'islam non sia una religione, ma un'ideologia barbarica, una regressione dell'uomo allo stato primitivo.
Lo dimostra il fatto che la donna è schiava dell'uomo, lo dimostra il fatto che chi non appartiene al "branco islamico" va sterminato o comunque dominato; lo dimostra il fatto che ammazzare, sgozzare, violentare, distruggere i valori delle civiltà altrui sono azioni che onorano allah...

Al solito ci sarà qualcuno che dirà: ma non tutti gli islamici sono così, non tutti sono dei tagliagole.
Meno male! Ma si è mai vista una loro decisa presa di posizione contro questi attentati? Manifestazioni, scioperi, rivolte di piazza in Italia e nei paesi islamici? Niente! Si è mai vista una coalizione di stati arabi combattere ed eliminare l'Isis, mentre invece sono così attenti a perseguitare ogni religione diversa nei loro stati? Forse che la Turchia riconosce il genocidio dei cristiani armeni? Forse che gli islamici riconoscono il genocidio attuale delle comunità cristiane in Iraq, in Siria, in Sudan, ecc. ecc. ecc.? Il fatto è che anche i moderati hanno un fondo di intolleranza che gli viene dalle parole del corano, che impongono l'eliminazione dell'infedele o almeno la sua sottomissione.

Anche i cristiani nel corso dei secoli hanno compiuto orrori, sia chiaro. Ma lo hanno fatto contro l'insegnamento di Cristo, di cui portavano indegnamente il nome. Il Vangelo insegna l'amore e non l'odio.
I musulmani invece quando compiono orrori, lo fanno per rispettare la volontà di  allah come si legge nel corano.  E nel corso dei secoli hanno esteso il loro dominio con la scimitarra, seguendo l'esempio di Maometto che conquistò la Mecca con le armi sterminando i suoi nemici. Paradossalmente, i "buoni musulmani" sono oggi quelli che combattono l'infedele, come insegna il corano... 

Voglio concludere con una mia riflessione personale.
È evidente che l'islam è una ideologia falsa e folle; infatti la coscienza umana si ribella al pensiero di delitti e atrocità come quella di ieri a Dacca. 
Ma chi è stato costretto a imparare a scuola il corano a mente, dove si insegna la jihad contro l'infedele, dovrà dentro di sé combattere una dura lotta tra l'indottrinamento ricevuto e la sua retta coscienza di uomo normale.

Il mio più grande cordoglio per le vittime innocenti di Dacca, veri martiri del vivere civile.
Che la loro tragica morte non sia stata vana.





6 commenti:

  1. Grazie carissimo amico per la tua chiarezza!

    Tra le vittime di questa barbarie, c'è anche una decima vittima. Una piccola e indifesa vita che cresceva nel grembo della sua mamma.
    Ma se il cieco odio non vede la presenza di Dio in un essere umano che sta davanti a lui, come può pensare di amare ciò che non vede?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, carissima Terry. Le vittime sono dieci: alle altre va aggiunto un bambino di sette mesi nel grembo della madre Simona Monti di Magliano Sabina, sorella del parroco della cittadina laziale.

      Il fatto che non si rispetti neppure una donna incinta ci fa capire a che livello sono giunti questi esseri inqualificabili :-(

      Un grande abbraccio, carissima amica :-)

      Elimina
    2. Grazie!
      Dolcezza e unità tra gli esseri umani, ecco... Questo parla di Dio.

      Un abbraccio grande, speciale Amicusplato. 🌸🌺🌸

      Elimina
  2. E' inconcepibile quanto è accaduto e quanto ancora sta accadendo con altre stragi. Penso con pena infinita a quella povera gente che, mentre era a Dacca per lavoro, per turismo o anche per semplice divertimento, è stata precipitata nell'orrore più atroce....
    Grazie, Antonio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo alla follia criminale. Il sonno della ragione genera mostri; e oggi nel mondo musulmano la ragione è in coma profondo. Speriamo che si risvegli, anche attraverso il sacrificio di queste vittime innocenti.

      Un grande abbraccio, carissima Annamaria :-)

      Elimina